In Evidenza

eWelfare, più vicini ai cittadini

Articolo pubblicato più di sei mesi fa

Si chiama così il progetto di InnovaPuglia di dematerializzazione delle procedure amministrative per l’accesso ai benefici economici individuali


Progettare e realizzare una serie di servizi digitali per la dematerializzazione delle procedure amministrative di accesso a tutti i benefici economici individuali (assegni di cura, buoni servizio di conciliazione, progetti per la vita indipendente) e ai contributi finanziari per gli investimenti pubblici e privati in ambito sociale e sociosanitari: questo l'obiettivo del progetto e-welfare, realizzato dalla Regione Puglia e dalla propria società in house InnovaPuglia.

È stata creata la rete dei Servizi sociali del territorio mettendo in contatto sia le amministrazioni comunali che gli enti di erogazione di servizi socio-sanitari e gli intermediari sociali (CAAF, patronati, enti privati e non solo).

Attuale livelli di utilizzo e diffusione della soluzione

L'intero iter procedurale del programma regionale Buoni Servizio e Catalogo dell'offerta di servizi alle famiglie è gestito attraverso una banca dati unica e una piattaforma web, ospitata sul portale Sistema Puglia, in cui sono integrati vari sistemi cooperanti (atti amministrativi, graduatorie, rendicontazione): i cittadini scelgono di beneficiare di un servizio presso una delle strutture socio assistenziali iscritte al Catalogo Telematico dell'Offerta di Servizi alle Famiglie; la Regione, attraverso la cooperazione applicativa con INPS, acquisisce l'attestazione ISEE del richiedente, sulla cui base effettua le prime verifiche automatiche di ammissibilità; ciascun Responsabile Unico del Procedimento – RUP - dei Comuni capofila degli Ambiti Territoriali Sociali effettua una istruttoria sui dati e documenti presentati dalle famiglie e dalle strutture; si genera in automatico una graduatoria basata sui criteri di priorità delle famiglie e dei finanziamenti disponibili per ogni ambito territoriale; le strutture socio assistenziali creano una attestazione per ogni beneficiario riportante le presenze/assenze del mese e i conteggi sulla quota parte delle famiglie e la quota di Buono Servizio; vengono inviate ai RUP degli Ambiti territoriali le attestazioni sottoscritte dalle famiglie, unitamente ai dati di fatturazione, per la liquidazione della quota buono spettante alle strutture; i RUP comunali emettono gli atti autorizzatori e dispongono le liquidazioni; i dati vengono utilizzati dal RUP Regionale per monitorare l'andamento della spesa della misura, ripartita per specifica tipologia di finanziamento. Infine, tutti i dati e i documenti vengono inviati tramite cooperazione applicativa al sistema di Monitoraggio degli Interventi Regionale e certificazione della spesa – MIR.

Benefici ottenuti in termini di:

  • efficacia: Maggiore Qualità delle prestazioni erogate, miglioramento dei flussi di scambio, incremento delle competenze degli attori coinvolti attraverso il trasferimento di conoscenze attuate mediante il sistema eWelfare.
  • efficienza: riduzione degli errori interni dei processi, dei tempi di esecuzione delle istruttorie e dei tempi di attesa rispetto ai benefici erogati sul territorio.
  • governo: standardizzazione dei flussi di dati scambiati attraverso il sistema. Certificazione dei dati contenuti nelle istanze presentate dai cittadini. Migliore monitoraggio degli interventi regionali a favore dei beneficiari aventi diritto.

Entità dell'investimento realizzato. 

Una quota dell'investimento (1.537.000 euro) è definita dal Fondo FSE, mentre l'altra è conforme al bilancio regionale (963.000 euro), per un valore complessivo pari a 2.500.000 euro.

I costi di gestione della soluzione una volta implementata sono di 200.000 euro l'anno circa

Link a materiale di approfondimento dell'iniziativa: http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/SolidarietaSociale/CATALOGO

Pubblicato il 01/03/2018