Primo Piano

La riforma del Terzo Settore: un percorso di lavoro comune

Articolo pubblicato più di un mese fa

Mercoledì 20 dicembre a Bari un seminario regionale


"La Riforma del Terzo Settore: un percorso di lavoro comune" è il titolo del seminario regionale che si terrà il prossimo mercoledì 20 dicembre 2017 a Bari presso la sede della Regione Puglia di via Gentile 52 (sala Conferenze V piano), a partire dalle ore 10.30. Il seminario ha lo scopo di approfondire le principali novità introdotte dalla Riforma del Terzo Settore (legge 6 giugno 2016, n. 106), alla presenza di Alessandro Lombardi, Direttore Generale del Terzo Settore e Responsabilità Sociale di Impresa del Ministero del Lavoro e Politiche sociali, e con uno specifico approfondimento sulle prospettive della nuova impresa sociale. Il seminario regionale è la seconda tappa di un percorso che ha preso avvio, per iniziativa della Regione Puglia, lo scorso 15 settembre con un primo momento di illustrazione generale del quadro complessivo della riforma del Terzo Settore, in seno alla Fiera del Levante, e rappresenta anche il primo momento di insediamento del Tavolo regionale per l'attuazione della riforma del Terzo Settore che si va costituendo in questi giorni, con le designazioni di tutte le organizzazioni di secondo livello di rappresentanza degli Enti del Terzo Settore e della rete dei CSV.

La legge 6 giugno 2016, n. 106, di delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale, ha avviato un percorso di grande innovazione sul territorio nazionale. Il decreto legislativo del 3 luglio 2017, n. 117, "Codice del Terzo settore ha approvato il quadro generale della Riforma del Terzo Settore, introducendo importanti elementi di novità per il sistema nazionale e regionale delle organizzazioni di volontariato, di promozione sociale e altre organizzazioni private onlus e richiedendo l'immediata attivazione di ciascuna filiera istituzionale regionale per l'avvio delle azioni di recepimento della nuova Riforma, inclusa la revisione del quadro normativo vigente.

L'attuazione della Riforma in Puglia vedrà correre parallelamente momenti di studio e approfondimento tematici della normativa accanto a percorsi operativi per l'elaborazione di proposte di lavoro, con lo scopo di riformare complessivamente il quadro normativo regionale e di recepire i contenuti della riforma nazionale.

Il seminario del 20 dicembre si svilupperà in due sessioni.

La prima sessione (ore 10.30-13.30), dal titolo "Come cambiano i confini e il ruolo del Terzo Settore con la Riforma. Il percorso di lavoro nazionale e regionale per avviare i processi di cambiamento", vedrà la partecipazione di Piero D'Argento - Docente di Organizzazione programmazione dei servizi sociali LUMSA Taranto, Alessandro Lombardi – Direttore Generale della DG Terzo Settore e RSI, Alessandro Mazzullo – Agenzia delle Entrate, DC Normativa. Introduce Anna Maria Candela, Dirigente Assessorato al Welfare – Regione Puglia.

Nella seconda sessione (ore 14.30-16.30), dedicata specificatamente all'impresa sociale dal titolo "Impresa sociale, nuovo welfare e nuova economia sociale" interverranno: Marco Musella, Docente di Economia Università degli studi di Napoli e Presidente IRIS Network, Anna Maria Candela, dirigente Assessorato al Welfare – Regione Puglia, Pasquale Ferrante, Alleanza Cooperative Italiana – Puglia.

Il Presidente Michele Emiliano ha accolto con molto favore questa occasione di incontro e di confronto impegnando tutti i partecipanti ad uno sforzo corale per una piena attuazione della Riforma, che possa anche declinare compiutamente anche gli spazi lasciati aperti dalla normativa nazionale per la valorizzazione delle organizzazioni del volontariato e della promozione sociale e per la crescita delle nuove imprese sociali : "La Puglia è tra le prime Regioni italiane che sceglie di avviare un percorso di approfondimento e di lavoro per l'attuazione di una riforma del Terzo Settore che  possa andare oltre il mero recepimento delle nuove norme nazionali e possa definire i confini ampi di un volontariato attivo, di comunità responsabili e di una nuova economia sociale e civile. Riteniamo davvero che questo percorso possa rappresentare il primo cantiere concreto di applicazione della Legge regionale sulla Partecipazione, per il lavoro di costruzione partecipata delle nuove norme regionali per il Terzo Settore e delle azioni strategiche che saranno avviate a supporto delle organizzazioni che operano sul territorio regionale".

Per conoscere il programma nel dettaglio clicca sul link allegato.

Pubblicato il 18/12/2017

Documenti Correlati

Documento Programma convegno 20 dicembre 2017 - [Scarica  .pdf  - 0 Mb]