Disabili

Tavolo regionale per le Disabilità, terza riunione operativa

Articolo pubblicato più di due mesi fa

All’ordine del giorno aggiornamenti in merito all'iter della misura "Buoni Servizio per anziani e disabili" e illustrazione della proposta di lavoro per il nuovo “Assegno di cura” che la Regione Puglia si appresta a presentare


Aggiornamenti sulla procedura per la concessione dei buoni servizio per l'accesso ai servizi a ciclo diurno e domiciliari per disabili e anziani non autosufficienti (Avviso n. 1/2016); illustrazione della proposta regionale per la disciplina dei nuovi Assegni di cura per persone con disabilità gravissima ex art. 3 del Decreto Interministeriale FNA 2016 e aggiornamenti sull'iter attuativo del Piano Regionale per il "Dopo di noi" (l. n. 112/2016) sono stati gli argomenti al centro della terza riunione operativa con il Tavolo regionale per le Disabilità che si è svolto giovedì presso la sede della Regione Puglia.
In relazione al primo punto all'ordine del giorno e sulla scorta delle indicazioni del Consiglio di Stato che, con ordinanza n. 01297/2017 non ha ritenuto di revocare la sospensiva già disposta dal TAR Puglia sull'Avviso n. 1/2016 (A.D. n. 425/2016), è stato predisposto un atto amministrativo di modifica transitoria allo stesso che propone di aprire tempestivamente la seconda finestra per la presentazione delle nuove domande; unificare la seconda e terza finestra, con una sola finestra che prevista a fine maggio; elevare la soglia di ammissibilità sull'ISEE familiare a 40.000,00 e infine introdurre tre ulteriori fasce di compartecipazione inversamente proporzionali all'incremento di ISEE (per i valori superiori a 25.000,00).
La riunione si è poi concentrata nell'illustrare la proposta regionale per la disciplina degli Assegni di cura per persone con disabilità gravissima rispetto alle novità introdotte dal Decreto FNA 2016 (Fondo Nazionale non Autosufficienza). A fronte degli interventi ammissibili descritti nell' art. 2 del Decreto FNA che regolamenta le finalità di intervento e tipologie di azione per non autosufficienti la Regione Puglia ha scelto (con DGR n. 1663/2016 a) di adottare diverse misure: A) Progetto sperimentale per rafforzamento servizi ADI ad alta complessità per pazienti in condizioni di gravissima non autosufficienza (pazienti SLA/SMA gravissimi) da finanziare solo con risorse del FSR (DIEF 2017) - Cofinanziamento ai Piani di Zona per interventi a valenza sociosanitari per disabili e anziani B) Assegni di cura non condizionati all'emersione del lavoro regolare di assistenti familiari C) Buoni Servizio con compartecipazione costi di rette per prestazioni sociali a ciclo diurno (cofinanziamento FNA + FSE) - Buoni Servizio per prestazioni domiciliari aggiuntive a domanda individuale (cofinanziamento FNA + FSE).
All'interno di questo contesto il Fondo ministeriale allocherà per la Regione Puglia le risorse secondo questo schema: linea A) 12milioni di Euro, linea B) 13milioni di Euro, linea C) 623mila Euro per un totale pari a Euro 25.623.000, contestualmente le risorse messe in campo a valere su Bilancio regionale saranno ripartite come segue: per la linea A) 11milioni di Euro (FDGA per Piani di Zona) e 10milioni (assistenza specialistica e trasporto vs province); linea B) 12milioni di Euro (FRA per Assegni di cura), 28milioni (FSE per Buoni servizio); linea C 6.210.000 Euro per Fondo Dopo di Noi per un totale che ammonta a 67.260.000 Euro. 
Entrando ancora più nel merito degli Assegni di cura su base annuale le risorse allocate saranno per la I° annualità (competenza 2016) 12.000.000,00 da FRA 2016 e 10.000.000,00 da FNA 2016; per la II° Annualità (competenza 2017) 12.000.000,00 da FRA 2017 e 15.000.000,00 da FNA 2017.
L'ultima parte della riunione è stata dedicata all'aggiornamento sullo stato dell'arte dell'iter attuativo del Piano regionale del "Dopo di Noi", per il quale è al vaglio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali la proposta di destinare Euro 210.000 alle azioni condivise con le Organizzazioni regionali di rappresentanza delle famiglie per le attività di sensibilizzazione, informazione, formazione e orientamento sui progetti "Dopo di Noi". E' stato inoltre predisposto dal Ministero il Decreto di riparto del Fondo "Dopo di Noi" per il 2017 e che assegna alla Puglia Euro 2.642.700,00 dei 38,3 Milioni complessivamente disponibili; risorse che andranno ad integrare la dotazione del Piano Operativo regionale per il triennio.

Pubblicato il 13/04/2017

Documenti Correlati

Documento DGR 351 Approvazione Dopo di Noi - [Scarica  .pdf  - 0 Mb]

Documento Piano Regionale Dopo di Noi Puglia 2017-19 - [Scarica  .pdf  - 1 Mb]

Disabili

successivi 10...