Disabili

Autismo: entro il 10 maggio operativi tutti i Centri territoriali pugliesi

Articolo pubblicato più di due mesi fa

Già attivi i centri CAT di Bari, Taranto e BaT, inaugurato quello di Brindisi e in via di attivazione quelli di Lecce e Foggia


"Mi fa enorme piacere ricordare a tutti i pugliesi che entro il 10 maggio saranno aperti e funzionanti, uno per ciascuna ASL, i CAT, i centri autismo territoriali. Un presidio fondamentale per il territorio previsto dal Regolamento regionale (Rete assistenziale territoriale sanitaria e sociosanitaria per i Disturbi dello Spettro autistico. Definizione del fabbisogno e dei requisiti organizzativi, tecnologici e strutturali) nell'ottica dell'intervento integrato con l'ospedale, con la scuola e con la rete dei servizi pediatrici" così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nell'annunciare, in occasione della Giornata mondiale dell'autismo, celebrata domenica 2 aprile scorso, le date di avvio dei Centri autismo territoriali delle ASL pugliesi.
L'impegno della Regione Puglia, tra le prime regioni italiane ad aver dato attuazione alla legge nazionale 18 agosto 2015, n.134 "Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) e di assistenza alle famiglie".si inserisce all'interno del Regolamento Regionale 8 luglio 2016 n. 9 "Rete assistenziale territoriale sanitaria e sociosanitaria per i Disturbi dello Spettro autistico. Definizione del fabbisogno e dei requisiti organizzativi, tecnologici e strutturali", nel quale di ribadisce la necessità che in ogni ASL sia attivo almeno 1 CAT (centro Autismo territoriale) che svolga i compiti previsti dal Regolamento e sia dotato dell'organico in esso previsto, con personale ricompreso nei piani aziendali delle assunzioni. 
Il nuovo centro CAT inaugurato il 3 aprile è stato quello della Asl di Brindisi ed è afferente al Dipartimento di Salute di Mentale e attivato presso l'ex Ospedale di Summa a Brindisi nel Padiglione centrale al 2° piano L'inaugurazione si è svolta alla presenza del direttore del Dipartimento Politiche della salute e del benessere sociale della Regione Puglia, Giancarlo Ruscitti, e del direttore generale della Asl Brindisi Giuseppe Pasqualone. 
Il Centro Autismo della ASL BR garantirà interventi clinici nella minore età nelle aree di neuropsichiatria infantile, psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza, logopedia, psicomotricità, nonché interventi riabilitativi e a sostegno della integrazione scolastica e socio pedagogici. Nel CAT opererà altresì una equipe multiprofessionale che si occuperà dei programmi di interventi e riabilitazione dell'autismo nella età adulta.
Il Centro opererà in rete con altri Servizi territoriali e soprattutto in contiguità con il Servizio territoriale dell'infanzia e della adolescenza (NIAT). La complessità dei disturbi dello spettro autistico comporta necessariamente un lavoro multidimensionale e multiprofessionale, sia per la diagnosi che per la presa in carico. Da un'attività di rilievo epidemiologico sul territorio della ASL BR risultano affetti da disturbi dello spettro autistico circa 250 minori.
L'attività sarà assicurata per almeno 38 ore settimanali e per almeno 5 giorni alla settimana.
All'interno del CAT sarà garantito un ruolo attivo alle associazioni, ai volontari, ai familiari allo scopo di condividere percorsi di integrazione, protocolli di trattamento, nonché interventi di prevenzione.
Le prossime aperture dei Centri autismo territoriali delle altre Asl pugliesi seguiranno questo calendario:
Asl Lecce – dal 10 aprile
Asl Bari – già attivo dal 28 marzo
Asl Taranto – già attivo dal 24 aprile
Asl Bt – già attivo
Asl Foggia – attivo entro il 10 maggio

 

Pubblicato il 04/04/2017

Disabili

successivi 10...