Welfare

Rilancio della collaborazione strategica tra Regione Puglia e Inps

Articolo pubblicato più di un anno fa

Il presidente Emiliano “I sogni della politica possono diventare realtà solo grazie alla collaborazione con l'amministrazione e la burocrazia”


Insieme per rilanciare la cooperazione, sempre più stretta e strategica, tra Regione Puglia e sede regionale dell'INPS per l'attuazione di importanti politiche regionali: con queste premesse si è aperta la conferenza stampa tenuta presso la sede regionale dell'Inps a Bari con il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il presidente regionale di Inps, Giovanni Di Monde, gli assessori regionali al Welfare, Salvatore Negro e al Lavoro Sebastiano Leo, il direttore della task force regionale per il lavoro, Leo Caroli e il presidente del Comitato regionale Inps Puglia, Antonia Sinisi.
Il ruolo dell'Inps è cresciuto molto in questi ultimi anni e la sua presenza si è dimostrata determinante nelle vesti di soggetto attuatore che concorre in modo decisivo alle fasi istruttorie e a quelle erogative delle singole misure, ma anche al supporto nei confronti dei Comuni e degli altri enti locali coinvolti e allo sviluppo di soluzioni operative nuove e specifiche per il contesto regionale.
Lo confermano le parole di Di Monde: "In questa Regione Inps è molto presente ed attivo nei servizi di welfare. Oggi serve rilanciare questa collaborazione in vista della sfida Sia/Red proprio perché la nostra Puglia è una tra le due Regioni italiane che ha una sua specifica misura di contrasto alla povertà che aggancia ed amplia la misura nazionale. La politica ha il dovere di definire la strategia, l'amministrazione (Inps, uffici regionali e altro) hanno il compito di consentire che la strategia ed i servizi arrivino ai Cittadini"
L'efficacia e il successo della misura tutta pugliese del Reddito di Dignità trova riscontro nei dati ed è proprio l'Assessore Negro a raccontarli: "Ad oggi sono arrivate 22.334 domande SIA/ReD di cui 6.170 dalla provincia di Bari, 3.996 dalla provincia di Lecce, 3.878 dalla quella di Taranto, 3.798 da Foggia, 2.370 dalla BAT e 2.122 dalla provincia di Brindisi. Le istruttorie chiuse sono ben 11.759 pari al 52,6%. La Puglia è prima in Italia per la presentazione dei progetti del PON Inclusione: sui 73 progetti presentati in Italia al 30 settembre, 34 sono i pugliesi. Quasi il 50%. In Puglia 34 Ambiti su 45 avranno risorse PON entro dicembre. Per gli altri 11 sono già al lavoro".
Inps dunque non solo come compagno di battaglia efficace nelle questioni di rilievo, o nella gestione delle situazioni di crisi. "Oggi comprendo che Inps è molto di più – afferma il presidente Michele Emiliano - ha competenze, mezzi, risorse ed esperienze per agire anche su altri elementi e questioni della vita quotidiana. Ed essere efficace agente per la costruzione del welfare locale. La collaborazione tra Inps e Regione può essere anche strumento ottimo per combattere il centralismo".

Pubblicato il 06/10/2016

Welfare

successivi 10...