Disabili

Dopo di Noi: da Anfass la road map sulle azioni urgenti per fare per dare attuazione alla Legge

Articolo pubblicato più di un anno fa

Tra le principali richieste l’avvio di una campagna informativa mirata e capillare


Il 25 giugno 2016 la legge sul "Dopo di noi" è entrata ufficialmente in vigore. L'Anfass (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità e/o relazionale ha stilato una lista che comprende una serie di azioni operative, sette in particolare, indirizzate a vari livelli di Governo, per dare attuazione immediata alla legge e poter così utilizzare subito i 90 milioni di euro disponibili.
1. definire i livelli essenziali delle prestazioni nel campo sociale da garantire ai destinatari della legge
2. entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge (quindi entro il 25 dicembre 2016) definire gli obiettivi di servizio per le prestazioni da erogare ai destinatari della legge nei limiti delle risorse disponibili a valere sul Fondo
3. individuare i requisiti di accesso alle misure di assistenza, cura e protezione a carico del Fondo e sono ripartite le risorse del Fondo tra le regioni (sempre entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge)
4. non è indicata una tempistica, ma è uno dei passaggi decisivi: le Regioni adottano indirizzi di programmazione e definiscono i criteri e le modalità di erogazione dei finanziamenti, le modalità per la pubblicità dei finanziamenti, le modalità per la pubblicità dei finanziamenti erogati e per la verifica dell'attuazione delle attività svolte e le ipotesi di revoca dei finanziamenti connessi
5. questa attività di programmazione prevede il coinvolgimento delle organizzazioni di rappresentanza delle persone con disabilità
6. entro 60 giorni (arriviamo quindi al 25 agosto 2016) sono definite le modalità di attuazione dell'articolo inerente i trust, vincoli di destinazioni e fondi speciali
7. Ogni anno entro il 30 giugno è prevista una Relazione alle Camere sullo stato di attuazione della legge e sull'utilizzo delle risorse, illustrando anche l'effettivo andamento delle minori entrate
Oltre a queste sette azioni l'Anfass sollecita anche l'avvio di idonee campagne, in modo che le persone con disabilità ed i loro familiari ricevano corrette informazioni su come cogliere al meglio le opportunità offerte dalla legge.
«Continueremo nell'opera di advocacy, monitoraggio ed informazione che hanno caratterizzato l'impegno associativo lungo l'intero iter che ha portato all'approvazione della legge», afferma  Roberto Speziale, presidente di Anffas, 

Pubblicato il 05/07/2016

Disabili

successivi 10...