Inclusione

Studenti brindisini si aggiudicano il premio Miur "#Sfidautismo" per il miglior video

Articolo pubblicato più di un anno fa

Autori dello spot vincitore i ragazzi dell'istituto comprensivo "Casale" di Brindisi. Obiettivo del concorso migliorare la qualità dell’inclusione scolastica e la conoscenza del disturbo


Sono pugliesi i ragazzi dell'istituto comprensivo "Casale" di Brindisi, ad aggiudicarsi il premio "#Sfidautismo" indetto dal Miur (Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca) in partnership con la Fondazione Italiana Autismo (Fia) e lanciato in occasione del 2 aprile, data in cui ricorre la Giornata Mondiale Consapevolezza Autismo.
"#sfidAutismo…VINTA!" questo il titolo dello spot di 50 secondi e un collage di 400 foto (clicca qui per vederlo) realizzato  dai ragazzi con la tecnica "stop-motion" sotto  la supervisione di Alessio Allegretti, regista e pedagogista della Cooperativa Artemide di Brindisi. A capo del progetto le professoresse Paola Mongelli e Mina Fabrizio.
Protagonista del video un pesciolino perché, come spiega Allegretti,  "abbiamo pensato che un bambino autistico si senta come un pesce fuor d'acqua in un mondo che non gli appartiene. I bambini entrano "nel mondo del pesciolino", lo aiutano e interagiscono con lui".
Per accendere nuovamente i riflettori sull'autismo è stato scelto, per questo contest, proprio il mondo della scuola con l'obiettivo di sensibilizzare studenti, ma anche corpo docente e tutte le istituzioni scolastiche su queste tematiche al fine di potenziare il livello di conoscenza e favorire la qualità dell'inclusione scolastica degli studenti affetti da questa patologia.

Pubblicato il 27/04/2016

Inclusione

successivi 10...