Welfare

Puglia for Senegal, l’assessore Negro incontra la delegazione della repubblica del Senegal

Articolo pubblicato più di un anno fa

Una iniziativa benefica volta a garantire l’accesso universale a sevizi sanitari di alta qualità alle persone e alle famiglie senegalesi nel loro Paese. Negro: “Il nostro augurio è che questo sia un presidio oltre che di cura di prevenzione”


Puglia for Senegal è il nome dell'iniziativa che vedrà protagoniste arte, spettacolo e solidarietà in un progetto che mira a portare aiuto al popolo senegalese, tramite una raccolta fondi, per la realizzazione di un centro ospedaliero che consenta alla popolazione di ricevere cure mediche gratuite, soprattutto per quanto riguarda le terapie prenatali ed ostetricheoltre che la creazione di un consultorio ginecologico e di un laboratorio di analisi nella città di Thiadiaye. 
Alla presentazione del progetto in Presidenza del Consiglio hanno partecipato El Hadji Omar Youm, Ministro e Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica del Senegal, nonché Sindaco di Thiadiaye, l'assessore al Welfare della Regione Puglia, Salvatore Negro, in rappresentanza del Presidente Emiliano, Bernardo Notarangelo, dirigente coordinatore delle Politiche internazionali e Massimo Navach console onorario a Bari.  "Speriamo – ha detto Negro – che la struttura che volete costruire a Thiadiaye sia un presidio oltre che di cura, anche di prevenzione e che sia cominciato e completato quanto prima. Auguro il massimo successo alla serata di solidarietà con il popolo senegalese che si sta organizzando al Petruzzelli".
"La diplomazia tra Stati deve essere sempre accompagnata dalla diplomazia tra i popoli – ha detto il ministro Youm – la struttura che intendiamo realizzare servirà a duecentomila persone che oggi devono soffrire i pericoli per le partorienti, un'alta mortalità infantile e la mancanza di laboratori di analisi. La manifestazione di Bari consentirà un primo passo per avviare i lavori, cui speriamo seguano altri atti di cooperazione e solidarietà".
 

Pubblicato il 19/04/2016

Welfare

successivi 10...