Disabili

Il film “Che cos’è un Manrico” esce nelle sale

Articolo pubblicato più di un anno fa

Il tour rocambolesco nella capitale di Manrico Zedda trentenne distrofico e del suo assistente. Lui oggi non c’è più e parte degli incassi andranno alla cooperativa che lo assisteva


Esce nelle sale cinematografiche "Che cos'è un Manrico" il film diretto da Antonio Morabito, girato tre anni fa, con protagonista Manrico Zedda trentenne distrofico in sedia a rotelle. Il documentario illustra il racconto di un rocambolesco tour a Roma in sedia a rotelle di Manrico affetto da una distrofia muscolare che gli permette di muovere solo la testa e i pollici. Stefano è l'operatore che lo assiste. Insieme, in una calda settimana estiva, si avventurano alla scoperta di Roma, affrontando le buche, gli ascensori che non funzionano, il traffico e tutte le complicazioni, ma anche le belle sorprese, che a Città eterna ha in serbo per loro. La città vista da un punto di vista nuovo e diverso, attraversata e percorsa da due moderni Don Chichiotte e Sancho Panza.
Purtroppo ad ottobre Manrico è venuto a mancare, per questo la produzione (Ilapalma) e la distribuzione hanno deciso, concordi, di devolvere parte dell'incasso delle proiezioni alla cooperativa sociale "Oltre" onlus, che seguiva Manrico, per l'acquisto di un pulmino per le attività extraterapeutiche degli assistiti.
" Da tempo Manrico – commenta il regista – mi proponeva di fare un film basato sulla sua vita; ho pensato che un buon modo fosse quello di mostrare direttamente lui, senza facili pietismi o generiche accuse al sistema, ma limitandosi a far vedere semplicemente quella che per lui è la normalità. È quindi la quotidianità che voglio mostrare in questo documentario; la normalità di una persona diversa ma uguale".

 

Pubblicato il 07/04/2016