Famiglie

Una legge nazionale sul caregiver familiare

Articolo pubblicato più di un anno fa

Già approvato in Senato un odg per impegnare il Governo a redigere norme per il riconoscimento e il sostegno del caregiver


In sede di esame del disegno di legge per la riforma del Terzo Settore è stato approvato dal Senato (con 231 voti favorevoli e solo 5 astenuti) un ordine del giorno che "impegna il Governo a valutare l'opportunità di adottare disegno di legge recanti norme per il riconoscimento e il sostegno del caregiver familiare".
Il Governo aveva già dato parere favorevole a condizione di una riformulazione più snella e sintetica, quella appunto che ora si legge nel testo "Disposizioni per il riconoscimento e il sostegno dell'attività di cura e assistenza familiare" e consta di nove articoli, per introdurre nella legislazione dello Stato alcune novità come l'obbligo per le Regioni di prevedere politiche di sostegno, con aiuti concreti quali sollievo programmato e d'emergenza, sostegno psicologico, informazione, formazione ai caregiver; accordi con i datori di lavoro per favorire orari flessibili e con compagnie di assicurazione per offrire polizze mirate e scontate; sgravi fiscali per le spese di cura sostenute dai caregiver; riconoscimento di crediti formativi per i caregiver in età scolastico-universitaria; infine, ma non da meno, interventi di sensibilizzazione.
L'obiettivo è quello di andare a definire le condizioni per il riconoscimento della figura del caregiver familiare, ovvero di chi in ambito domestico si prende cura volontariamente e gratuitamente di un parente o di un affine entro il secondo grado riconosciuto invalido civile al 100% e che necessita di assistenza globale e continua ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, per almeno 54 ore settimanali.

Pubblicato il 30/03/2016

Famiglie

successivi 10...