Disabili

Pubblicato l’avviso per i Tg con la LIS

Articolo pubblicato più di un anno fa

Rivolto alle emittenti televisive regionali finanzia attività di approfondimento e di informazione con servizi di traduzione LIS e sottotitolatura dei testi audio, sia per persone sorde o ipoudenti sia per persone ipovedenti

C'è tempo fino al 16 dicembre per le emittenti televisive locali che vogliano presentare domanda di finanziamento per la 
produzione di programmi di informazione e approfondimento, a carattere giornalistico, su temi di attualità, quali 
telegiornali, rubriche giornalistiche, informazione su eventi culturali, musicali e sportivi, con servizi di traduzione LIS e 
adeguata sottotitolatura dei testi audio, adeguata sia per persone sorde o ipoudenti sia per persone ipovedenti. I 
contributi regionali possono finanziare esclusivamente l'impiego di professionisti interpreti LIS, riconosciuti dall'ENS e 
dalle associazioni nazionali di categoria. 
"L'inclusione sociale delle persone con disabilità – ha chiarito l'assessore regionale al Welfare Elena Gentile – non è 
solo assegni di cura e assistenza diretta. Ci sono forme di esclusione dai diritti fondamentali che sono più subdole ma 
non meno discriminanti, come il diritto all'informazione. Riteniamo che rendere accessibile l'informazione locale alle 
persone con problemi di udito, con compromissioni più o meno gravi, sia un dovere, un obbligo, per valicare quei confini 
che già fisicamente impongono alla persona audiolesa un allontanamento dalla vita cittadina e dunque dalla 
partecipazione. Questo per noi è il reale welfare inclusivo, far sì che ciascuno possa conoscere e dunque cimentarsi 
nell'esercizio della partecipazione, la pratica vera della democrazia". 
Per conoscere i dettagli dell'avviso è opportuno scaricare il Burp n. 136 del 17 ottobre 2013. 
 

Pubblicato il 26/11/2013