Famiglie

I numeri del territorio per uno sviluppo sostenibile

Articolo pubblicato più di un anno fa

Le attività dell’Osservatorio Sociale Regionale per implementare la programmazione territoriale

Le risorse finanziarie del Piano di Azione e Coesione per il triennio 2013-2015 in tema di sostegno ai servizi di 
conciliazione per la prima infanzia e non autosufficienza sono assolutamente significative anche per la Puglia e, in 
particolare in un momento storico foriero spesso di tagli e ristrettezze economiche per gli Enti Locali, rappresentano 
un'occasione unica e assolutamente da non perdere per gli ambiti territoriali pugliesi. Per facilitare dunque la 
programmazione degli interventi su base locale, non disperdere risorse ed energie ed omogeneizzare la lettura dei 
bisogni territoriali, l'assessorato al Welfare pugliese, attraverso il proprio Osservatorio Sociale, metterà a disposizione di 
tutti gli ambiti territoriali i dati presenti nelle propri archivi utili alla compilazione della sezione 3 dei formulari progettuali 
ministeriali. Entro gli inizi del mese di novembre ogni ambito riceverà dunque un formulario personalizzato con i dati del 
proprio territorio afferenti il sistema socio-demo-economico, il sistema di offerta di servizi ed interventi, le prestazioni già 
erogate nel triennio precedente. 
In questo contesto, continua incessante l'opera di monitoraggio dell'OSR sul più generale sistema di offerta regionale. 
Mentre in questi giorni si sta chiudendo la rilevazione riferita al 2012 dei flussi informativi attivati con il SISR (Sistema 
Informativo Sociale Regionale) sulle oltre 1.500 unità di offerta censite per macro-tipologia di attività (strutture e servizi 
per la prima infanzia; strutture e servizi residenziali per minori, anziani e disabili, strutture e servizi semiresidenziali per 
anziani e disabili, assistenza domiciliare per non autosufficienti) si sta ultimando l'avvio (previsto per gli inizi del nuovo 
anno) della rilevazione sui minori fuori famiglia in carico presso i Comuni pugliesi. Tali rilevazioni offriranno dunque nelle 
prossime settimane importanti aggiornamenti sullo "stato di salute" del nostro sistema di welfare che torneranno molto 
utili in questa fase di riprogrammazione sociale. 
Un ulteriore contributo conoscitivo verrà fornito nei prossimi mesi da alcune linee di ricerca sul campo che l'Osservatorio 
ha finanziato con l'Avviso 2/2012 a svariati enti di Ricerca regionali e nazionali su alcuni specifici temi (valutazione di 
impatto della sperimentazione dei Buoni Servizio di Conciliazione; customer satisfaction dell'utenza dei servizi; modelli 
econometrici di calcolo delle povertà pugliesi e sue caratteristiche, implementazione del sistema di monitoraggio 
finanziario e di contenuto del sistema regionale, ecc.) 
Sempre in quest'ottica di continuo miglioramento delle proprie performance, l'OSR sta infine formalizzando l'adesione 
alla sperimentazione del nuovo Sistema Informativo sulle Povertà (SIP) che il Ministero del lavoro e delle Politiche 
Sociali sta avviando con il coordinamento della Regione Toscana. 
 

Pubblicato il 26/11/2013

Famiglie

successivi 10...